PETIZIONI AI CONSIGLI REGIONALI DI LOMBARDIA E VENETO PER SFIDUCIA A SPERANZA, SILERI E COSTA

 

PETIZIONI AI CONSIGLI REGIONALI DI LOMBARDIA E VENETO PER SFIDUCIA A SPERANZA, SILERI E COSTA

 

Il Comitato Sanitario Nazionale e la Scuola Medica di Milano, unitamente alla Società Italiana di Adolescentologia e Medicina dell’Adolescenza hanno presentato ai Consigli Regionali della Regione Lombardia e Veneto una petizione per una mozione di sfiducia del Ministro della Sanità, Roberto Speranza e dei sottosegretari Pierpaolo Sileri e Andrea Costa, per gravissimi errori e omissioni nella strategia preventiva, che perdurano, e per il Ministro per  falsi ideologici-già denunciati alla magistratura-  a partire dalle indicazioni non fondate sul piano scientifico che hanno portato ai decreti legge “truffa” istituenti il “Certificato verde” spaccando la popolazione italiana e danneggiandola nel lavoro e nei diritti costituzionali. I vaccinati infatti infettano come i non vaccinati i quali, hanno un’immunità naturale non lesa dai sieri mRNA e quindi sono più resilienti alle infezioni e ai tumori.

La petizione  parte dalla demolizione della politica sanitaria del Ministro e dell’attuale dirigenza sanitaria italiana, illustrandone  il gravissimo errore epistemologico di strategia e la mancanza di aggiornamento scientifico di base. Gli errori ed omissioni del governo sanitario e delle commissioni regionali  hanno provocato dal 2020 una strage nei soggetti a rischio per comorbidità (93%) e tutt’oggi perseverano nella promozione di una politica vaccinale, con sieri prodotti con una sperimentazione erronea, responsabili della diminuzione delle difese immunitarie tali da esporre la popolazione ale varianti del SARS-COV 2, ad altre malattie trasmissibili e ai tumori. Gli effetti avversi dei sieri mRNA  hanno prodotto in Italia, solo entro 14 gg  dopo la prima dose 1 decesso ogni 100.000 abitanti e un’alta incidenza di gravi effetti avversi  rilevate su segnalazioni spontanee , molto ridotte rispetto alla realtà.

L’ulteriore motivo delle petizioni e la politica scolastica di prevenzione dei contagi, che in modo analfabeta, come ha dimostrato il prof. Brera nel suo saggio “ Rischio zero per il COVID-19” (1) ha condannato gli studenti ha respirare la propria CO2 e a danni per la salute mentale ( es. diminuzione possibilità di empatia), quando da tempo esistono rimedi tecnologici che, negli ambienti chiusi, garantiscono dalle infezioni trasmissibili via aere e aumentano la resilienza da ogni infezione virale.  La cosa incredibile,  che la popolazione italiana ha dovuto subire e che subisce è l’incapacità del governo sanitario di promuovere efficaci terapie domiciliari precoci anzi sostenendo  e difendendo la politica scellerata di“ Vigile attesa e tachipirina” e l’aborto farmacologico, esponendo le donne al blocco delle difese immunitarie.

La vera pandemia oggi in Italia è degli asini dentro e fuori il governo !

Pur nell’evidenza del  fallimento preventivo ( strage dei pazienti anziani con comorbidità del 2020, epidemia di decessi e gravi effetti avversi post-vaccinali) e esposizione della popolazione alle varianti del virus SARS-COV 2 per le mutazioni provocate dalla politica globale della vaccinazione di massa  – la pandemia SARS-COV 1 e MERS 2010 sono scomparse senza vaccini, ma per l’immunità di gregge dovuta ai bambini-adolescenti e asintomatici)-  sta mettendo a rischio la salute e la vita della popolazione italiana, dei bambini e dei giovani, non a rischio. Di queste persone tra 5-29 anni sono morte  10  solo in 15 gg , che sarebbero oggi vive)  se il Ministero della sanità non avesse sbagliato  la strategia e metodo preventivo.  Lo stesso ISS ha documentato l’inefficacia dei sieri mRNA  nella prevenzione dell’infezione con l’evanescenza dell’immunità  nei bambini 5-11, senza rilevare  .  .Il Ministro Speranza ha sostenuto all TV (RAI 1)   inoltre la vaccinazione  dei pazienti “fragili”, quali anche i pazienti oncologici, la cui vaccinazione o richiamo aumenta il rischio d’infezioni, ospedalizzazioni e decessi, nel silenzio della Federazione Nazionale dell’Ordine dei Medici .

 I contenuti scientifici della petizione ai Consigli Regionali sono identici a quelli già presentati al Senato e inoltrati alla Presidenza della Repubblica e del Consiglio. La petizione chiede anche lo scioglimento delle commissioni scientifico-tecniche delle Regioni che hanno applicato le direttive ministeriali a danno della popolazione e una commissione d’inchiesta sulle loro omissioni e errori.

Per leggere i contenuti scientifici (con le note bibliografiche) della petizione al Senato

https://www.comitatosanitarionazionale.it/2022/07/06/petizione-al-senato-per-una-commissione-dinchiesta-e-sfiducia-a-speranza-sileri-e-costa/

a cura della Redazione : J Mazetes

Puo’ essere richiesto al Dipartimento editoriale dell’Università Ambrosiana

155 pagine  , euro 10

dipedit@unambro.it  CC editorialdepartment@unambro.it

PETIZIONE AL SENATO PER UNA COMMISSIONE D’INCHIESTA E SFIDUCIA A SPERANZA, SILERI E COSTA

 PETIZIONE AL SENATO PER UNA COMMISSIONE D’INCHIESTA E  SFIDUCIA  A SPERANZA, SILERI E COSTA

 

Il Comitato Sanitario Nazionale, ha inoltrato al Senato una petizione urgente per una commissione d’inchiesta sulla politica sanitaria nei confronti della prevenzione del COVID-19 e varianti e per la sfiducia del Ministro della Sanità, Roberto Speranza e dei sottosegretari Pierpaolo Sileri e Andrea Costa per gravissimi errori e omissioni nella strategia preventiva, che perdurano, e falsi ideologici  a partire dalle indicazioni non fondate sul paino scientifico che hanno portato ai decreti legge “truffa” istituenti il “Certificato verde”.

La petizione , accompagnate dalle note bibliografiche, firmata dal prof. Giuseppe R.Brera , presidente del CSN e Direttore della Scuola Medica di Milano, attualmente il maggior esperto nel mondo sulla prevenzione del COVID-19 e varianti, è stata inoltrata anche al Presidente della Repubblica e al Presidente del Consiglio , La petizione demolisce la politica sanitaria del Ministro e dell’attuale dirigenza sanitaria italiana, illustrandone  il gravissimo errore epistemologico di strategia e la mancanza di aggiornamento scientifico di base. Gli errori ed omissioni del governo sanitario e delle commissioni regionali  hanno provocato dal 2020 una strage nei soggetti a rischio per comorbidità e tutt’oggi perseverano,  che mettendo a rischio la salute e la vita della popolazione italiana, dei bambini e dei giovani  e dei pazienti “fragili”, quali i pazienti oncologici, la cui vaccinazione o richiamo aumenta il rischio d’infezioni, ospedalizzazioni e decessi.

Infatti è documentata l’inibizione del sistema immunitario e l’aumento della vulnerabilità alle stesse varianti del COVID, ma anche ad altre malattie trasmissibili e ai tumori, con l’aumento delle dosi inoculate di vaccini mRNA.

La petizione è accompagnata dagli atti della III° Sessione del congresso internazionale promosso sulla materia dall’Università Ambrosiana che aveva messo in luce, anche grazie alla collaborazione di autorevoli esponenti dello World health Committee e dell’Istituto Superiore della Sanità, gli errori e omissioni nella politica sanitaria italiana e globale:

I punti centrali che mettono in stato d’accusa Speranza e soci sono:

1    La mancanza di conoscenze epistemologiche sul cambiamento della Medicina che attraverso il nuovo paradigma “ la Medicina centrata sulla persona  ha istituito il modello preventivo : “La prevenzione centrata sulla persona”  che si basa sull’allostasi antivirale e l’immunostimolazione preventiva, introdotte nel 2021 nel mondo dal prof.Brera realizzabile con l’educazione alla salute della popolazione , la “self care”, e la formazione dei medici di famiglia (medicina generale) alla prevenzione e al trattamento domiciliare del COVID;

2      la truffa ai danni degli Italiani e dello Stato con l’istituzione del Green Pass . C’è, infatti, la stessa  probabilità di trasmissibilità dell’infezione da vaccinati e non vaccinati per cui il certificato non è lecito.  L’istituzione del Green Pass  ha causato  danni alle persone, al lavoro e all’erario; siamo al paradosso che lo stato “truffa” se stesso;

  1. l’omissione della prevenzione primaria e secondaria , dall’inizio della sindemia, quando ancora non c’erano vaccini nella popolazione, senza una politica preventiva primaria basata sui risultati della ricerca sull’epidemia SARS-COV del 2022 -per ignoranza scientifica- conoscendo che l’infezione grave colpiva le persone con comorbidità a rischio di letalità (93%) , rappresentati in maggior parte dagli  anziani.  I dati  epidemiologici sul maggior rischio erano già noti dal 2003 nell’ epidemia SARS-COV 1, scomparsa senza vaccini, come la MERS del 2010, per rapida instaurazione d’immunità di “gregge”, per cui tale omissione, causa di almeno 130.000 morti è ingiustificabile per mancanza di aggiornamento scientifico sulle facili e immediate possibilità preventive, con l’allostasi anti-virale  l’immunostimolazione preventiva[1] [2]
  2. La gravissima pericolosità della politica vaccinale di massa, a causa dell’induzione di una depressione immunitaria, danni al sistema cardiovascolare, danni neurobiologici al cervello e al sistema nervoso periferico , epatici , causati da vaccini mRNA (Moderna-Pfizer) [3] che non sono stati sottoposti a una corretta sperimentazione come ha evidenziato Christine Cotton, la più importante bio-statistica vivente. Gli effetti avversi sono stati computati su segnalazione spontanea e rappresentano lo 1% della realtà [4]. La popolazione italiana per il 50% godeva dell’immunità di memoria per le infezioni pregresse da corona-adenovirus, e pertanto la prevenzione primaria e secondaria andava ristretta sui portatori di co-morbidità, che evidenziano il 93% dei decessi, riducendo il rischio d’infezione e severità clinica, fatto facilmente realizzabile con l’allostasi antivirale e l’immunostimolazione preventiva, strategia non applicata per ignoranza scientifica;
  3. L’induzione della vaccinazione dei bambini , degli adolescenti e dei giovani ( fino a 29 anni) anche con      falsi ideologici pubblici attraverso i media, fatti da Speranza e Locatelli-già sotto inchiesta della magistratura- senza alcuna ragione scientifica essendo questi non a rischio di severità clinica e  di decesso,  attribuibili soprattutto (70-80%) alle comorbidità.

Recentemente ricercatori dello ISS hanno documentato inoltre l’inefficacia dei vaccini nella popolazione 5-12, nel prevenire l’infezione e ridotta nel prevenire la severità cinica [5]

“Vaccination against COVID-19 in children aged 5–11 years in Italy showed a lower effectiveness  preventing SARS-CoV-2 infection and severe COVID-19 than in individuals aged 12 years and older. Effectiveness against infection appears to decrease after completion of the current primary vaccination cycle “

Dal 2020 al Gennaio 2022 sono tati segnalati 10 decessi nella fascia 5-29 anni, entro 14 gg dalla vaccinazione , persone  oggi che sarebbero vive se la cupola sanitaria italiana non avesse sbagliato la politica preventiva .

In Italia tassi d’incidenza di decessi attribuibili per il 40%  al  COVID-19 dei bambini e adolescenti in Italia   è stato dall’inizio dell’epidemia  al Febbraio 2022 da 0-9 anni di 3 casi su un milione , da 10-19, 4 casi su un milione, da 20-29 di 1 caso su 100.000, da 30-39 di 5 casi su 100.000, 40-49 di 1 su 10.000, da 50-59 di 5 su 10.000.  L’attribuzione diretta della mortalità al COVId-19 per la fascia d’età  0-19, dall’evidenza scientifica appare  del 40%-72% ( 5-11) ,  che riduce ulteriormente il rischio epidemiologico, quasi assente. L’evidenza scientifica di gravi effetti epigenetici per il silenziamento dei micro-RNA, e per l’inibizione dell’immunità naturale[6] [7] [8]  rende  assolutamente pericolosa la vaccinazione di bambini, adolescenti e giovani la cui immunità naturale rende l’infezione rara e prevalentemente asintomatica. La probabilità del rischio di mortalità per altre cause, rispetto a quella attribuita per eccesso al COVID-19, dai dati ISTAT è apparsa essere 171 volte superiore per la fascia 0-9, di 52 volte per 10-19, di 34 volte per 20-29, di 18 volte 30-39, 11 volte per 40-49,  di 14 volte nella fascia 50-59.  

L’incidenza delle segnalazioni di eventi avversi sulla popolazione 5-16 anni oggetto di studio dell’AIFA , corrispondente a 1.941.680 persone vaccinate in un mese, è di 1170 segnalazioni di cui 278 gravi, comprendente la mortalità. Queste segnalazioni spontanee sono molto inferiori alla realtà.  Solo su questi dati, il tasso d’incidenza in questa popolazione, altrimenti sana senza vaccini,  appare 0.0006 ( 6 su 10.000) di cui  1 persona su 10.000 con effetti gravi (0.0001),  senza computare gli effetti avversi prevedibili a lungo termine, dovuti all’alterazione epigenetica dei vaccini che prevedono una maggiore vulnerabilità per tumori, malattie autoimmuni, disturbi dell’apprendimento e del comportamento dovuti alle alterazioni  neurobiologicheIl rischio di effetti avversi appare molto grave e non è giustificato da una vaccinazione inutile per bambini, adolescenti e giovani, non a rischio clinico.

C’è un impressionante rischio di miocardite  nei bambini e negli adolescenti altrimenti sani  (5-17 :5,74 per 100.000) e di effetti avversi gravi ( 1 su 10.000), superiore al tasso di ricoveri per COVID in terapia intensiva ( 5-11 : 6 su 100.000 ) ( 1 su 10.000). (dati AIFA). Dati epidemiologici di altri paesi (Australia) documentano un rischio di 1 su 10.000.

La scelta vaccinale per  bambini, adolescenti e giovani appare dunque ingiustificabile e criminale, con vaccini la cui sperimentazione ha evidenziato gravissimi errori [9] tali da renderla inattendibile. Per questi motivi la vaccinazione con vaccini mRNA e vettoriali anti SARS-COV 2 dei bambini, adolescenti e giovani andrebbe immediatamente interrotta, i vaccini ritirati e i responsabili perseguiti penalmente.”

C’è da aggiungere inoltre che la vaccinazione dei bambini e degli adolescenti impedisce l’istituzione dell’immunità di “gregge” e determina la produzione di varianti più pericolose, come è già stato fatto con la vaccinazione di massa.

“Unfortunately, as virus circulation decreases, the age of primary infection increases, and since age is directly associated with pathogenicity, vaccinating children would likely lead to lower infection rates but higher case fatality rates. Additionally, depending on the relative durations of immunity induced by vaccines and infection, and the rate of viral antigenic change, vaccinating children might increase the frequency of large seasonal epidemics, leading to overall increases in virus induced morbidity and mortality.”  [10]

 

Trad.Italiana

 

Purtroppo quando la circolazione del virus diminuisce, l’età  delle infezioni primarie aumenta e poiché l’età è direttamente associata alla patogenicità, vaccinare i bambini-aggiungo gli adolescenti- può portare con probabilità a un più basso tasso d’infezione ma a un più alto tasso di casi fatali. In addizione in dipendenza del fatto della relativa durata dell’immunità indotta dai vaccini e dall’infezione e il tasso delle mutazioni antigeniche, la vaccinazione dei bambini potrebbe aumentare la frequenza di grandi epidemie stagionali, portando a un totale aumento dell’induzione della morbidità e mortalità indotta dal virus .

 

3    L’avere condannato,  a danno della loro salute , gli studenti di scuola primaria e secondaria all’uso di mascherine, omettendo la prevenzione basata sulla tecnologia depurativa a emissioni di ioni negativi, che permette l’eliminazione dall’aria del 99,9% dei virus oltre che delle sostanze inquinanti;[11]

 

3     L’omissione del blocco delle vaccinazioni dei pazienti oncologici, che se vaccinati risultano essere a maggior rischio d’infezione, di ospedalizzazione di decesso.[12] Al contrario il Ministro Speranza ha sollecitato via TV la vaccinazione dei pazienti “fragili” e se vaccinati l’ulteriore richiamo con la consulenza di Ricciardi, dell’AIFA-ISS-Medicina Preventiva

 

FAQ  AIFA (7 Luglio)

  1. Possono vaccinarsi le persone con malattie croniche, diabete, tumori, malattie cardiovasco “In caso di contagio da SARS-CoV-2, sono proprio queste le persone più a rischio di una evoluzione grave della patologia COVID-19; è importante, quindi, che effettuino la vaccinazione”   

 

  1. l’assenza della formazione dei medici all’educazione alla salute, all’individuazione dei pazienti a rischio di severità clinica, a una terapia precoce dell’infezione, facilmente possibile ed efficace suggerendo invece vigile “ attesa e tachipirina” , con ricorso al Consiglio di stato per confermarne la liceità, contro ogni evidenza scientifica e clinica, il Ministro della salute Speranza è ricorso al consiglio di stato per giustificare la terrificante “vigile attesa” con farmaci antipiretici; la prescrizione applicata dai medici di medicina generale è costata migliaia di ricoveri ospedalieri, terapie intensive, decessi.

l’assenza da parte dell’AIFA di una ricerca sistematizzata sugli effetti avversi dei vaccini , fatto ingiustificabile e l’autorizzazione alla vaccinazione di bambini e adolescenti in presenza di evidenze scientifiche del 2019  sulla genotossicità di vaccini mRNA e vettoriali [13]   ;

  1. l‘assenza della citazione del  rischio di morte post-vaccinale nel consenso informato  per   cause non ancora conosciute-i vaccini sono tutti sperimentali e la sperimentazione si conclude nel 2023. In tutte le informative delle case produttrici e senza alcuna nota di correzione del CTS e dell’ AIFA-atto dovuto- il rischio di morte, è assente; su segnalazioni spontanee e entro 14 gg dalla vaccinazione l’AIFA documenta il decesso 609 persone dopo la I° dose, ( una su 100.000) 207 persone dopo la seconda dose, 62 persone dopo la terza dose.

Nella petizione è sottolineato che il Ministro della sanità Roberto Speranza sta tutt’oggi mettendo a rischio la salute del popolo italiano, nella sua determinazione a promuovere ulteriori richiami vaccinali con sieri assolutamente pericolosi.

[1] Brera G.R. SARS-COV 2 allostasis and the people and person-centered prevention. A new prevention strategy based on a people metabolic and immune shield for the pandemic shutdown.

Part 1  The Sars-Cov 2 entry and COVID-19. Milan.  Università Ambrosiana , 2021.

ISBN: 9798530093906

 

[2] Brera G.R . SARS-COV 2- allostasis and the    people   and person-centered prevention.

Part 2 The Sars-Cov 2- induced    immunosuppression and covid-19 anergy .

Part 3 The antiviral metabolic allostasis and preventive immunostimulation  -How to induce zero risk for covid-19.         Milan:  Ambrosiana University: 2021

ISBN: 9798547583520

 

[3] Seneff, S., Nigh, G., Kyriakopoulos, A. M., & McCullough, P. A. (2022). Innate immune suppression by SARS-CoV-2 mRNA vaccinations: The role of G-quadruplexes, exosomes, and MicroRNAs. Food and chemical toxicology : an international journal published for the British Industrial Biological Research Association, 164, 113008. https://doi.org/10.1016/j.fct.2022.113008

 

[4] Ibidem 3

 

[5]

[6]     Ibidem 3

 

[7]      Lockhart J, Canfield J, Mong EF, Vanwye J, Totary-Jain H. Nucleotide Modification Alters MicroRNA-Dependent         Silencing of MicroRNA Switches. Mol Ther Nucleic Acids. 2019;14:339-350. doi:10.1016/j.omtn.2018.1200

 

[8]   . Brera G.R. Scientific evidence of mRNA and vectorial vaccines genotoxicity inducing tumors and psycho-neuro-behavioral disorders. https://www.researchgate.net/publication/356588024 I DOI: 10.13140/RG.2.2.29151.18081

 

[9]    Cotton C. Lecture méthodologique desrésultats des essais cliniques des vaccins COVID-19. Internet   https://www.francesoir.fr/sites/francesoir/files/media-icons/Revue-des-Essais-Cliniques-COVID-Christine-Cotton.pdf

 

[10]   Lavine J S, Bjornstad O, Antia R. Vaccinating children against SARS-CoV-2 BMJ 2021; 373 :n1197  doi:10.1136/bmj.n1197

 

[11] Brera G.R. Rischio zero per il COVID-19 con la dieta anti virale.: Manuale di alllostasi anti-virale e  immunostimolazione preventiva. Milano; Università Ambrosiana ed., 2002

 

[12] Wang W, Kaelber DC, Xu R, Berger NA. Breakthrough SARS-CoV-2 Infections, Hospitalizations, and Mortality in Vaccinated Patients With Cancer in the US Between December 2020 and November 2021. JAMA Oncol. 2022 Apr 8. doi: 10.1001/jamaoncol.2022.1096. Epub ahead of print. PMID: 35394485.

 

[13]   Ibidem 2,3,4

DRAMMATICO AUMENTO DELLE INFEZIONI, OSPEDALIZZAZIONI E MORTALITA’ IN PAZIENTI ONCOLOGICI VACCINATI mRNA

DRAMMATICO AUMENTO DELLE INFEZIONI, OSPEDALIZZAZIONI E MORTALITA’ IN PAZIENTI ONCOLOGICI VACCINATI

William Wang ,David C. Kaelber; Rong Xu, et al in un articolo su JAMA Oncology, comparso lo 8 Aprile, hanno evidenziato inconfutabilmente che la vaccinazione mRNA anti COVID aumenta il tasso d’infezioni, l’ospedalizzazioni e la mortalità nei pazienti oncologici.

La ricerca, uno studio di coorte retrospettivo su pazienti oncologici vaccinati ,  2020-2021 negli USA, confrontando  45 253 pazienti oncologici vaccinati, con 12 comuni patologie neoplastiche comprese quelle ematologiche, con vaccinati sani  (campione totale di vaccinati con due dosi di Pfizer o Modrna n=636.435), ha mostrato un aumento significativo delle infezioni, delle ospedalizzazioni e della mortalità nei pazienti neoplastici vaccinati.

“Among 45 253 vaccinated patients with cancer (mean [SD] age, 68.7 [12.4] years), 53.5% were female, 3.8% were Asian individuals, 15.4% were Black individuals, 4.9% were Hispanic individuals, and 74.1% were White individuals. Breakthrough SARS-CoV-2 infections in patients with cancer increased from December 2020 to November 2021 and reached 52.1 new cases per 1000 persons in November 2021. The cumulative risk of breakthrough infections in patients with all cancer was 13.6%, with highest risk for pancreatic (24.7%), liver (22.8%), lung (20.4%), and colorectal (17.5%) cancers, and lowest risk for thyroid (10.3%), endometrial (11.9%), and breast (11.9%) cancers, vs 4.9% in the noncancer population (P < .001). Patients with cancer had significantly increased risk for breakthrough infections vs patients without cancer (HR, 1.24; 95% CI, 1.19-1.29), with greatest risk for liver (HR, 1.78; 95% CI, 1.38-2.29), lung (HR, 1.73; 95% CI, 1.50-1.99), pancreatic (HR, 1.64; 95% CI, 1.24-2.18), and colorectal (HR, 1.53; 95% CI, 1.32-1.77) cancers and lowest risk for thyroid (HR, 1.07; 95% CI, 0.88-1.30) and skin (HR, 1.17; 95% CI, 0.99-1.38) cancers. Patients who had medical encounters for cancer within the past year had higher risk for breakthrough infections than those who did not (HR, 1.24; 95% CI, 1.18-1.31). Among patients with cancer, the overall risk for hospitalizations and mortality was 31.6% and 3.9%, respectively, in patients with breakthrough infections, vs 6.7% and 1.3% in those without breakthrough infections (HR for hospitalization: 13.48; 95% CI, 11.42-15.91; HR for mortality: 6.76; 95% CI, 4.97-9.20)”

L’aumento significativo delle infezioni, ospedalizzazioni e mortalità nei pazienti oncologici vaccinati è spiegabile in modo multifattoriale con la diminuzione delle capacità immunitarie dei pazienti oncologici a causa della chemioterapia e con la inibizione dell’immunità fatta dai vaccini mRNA dovuta al silenziamento di geni oncosoppressori ( P 53), tramite l’inattivazione dei microRNA e con l’inibizione dei MHC2 necessari per l’attivazione dell’immunità cellulare (es. linfociti citotossici).

L’inibizione dell’immunità è dunque proporzionale al numero delle dosi dei vaccini mRNA, all’immunosenescenza causata anche dalle comorbidità aterosclerotiche che espongono la popolazione a una maggiore vulnerabilità a tumori , e a infezioni come ha messo in luce il prof.Brera nel lavoro sulla genotossicità dei vaccini mRNA e nel trattato che ha introdotto l’Allostasi antivirale e l’Immunostimolazione preventiva per prevenire le infezioni da varianti da SARS-COV 2.

Questi dati documentano che la politica sanitaria del Ministro della Sanità, incentivante la vaccinazione ei pazienti “fragili”- vedi dichiarazioni televisive del Ministro Speranza- in cui comprende i pazienti oncologici, è completamente sbagliata e ci si domanda come sia possibile che la sanità italiana sia in mano a persone di così basso profilo scientifico .

 

L’unica possibilità per i pazienti oncologici e per la popolazione per prevenire le infezioni da varianti del SARS-COV 2 e aumentare le difese contro le neoplasie è l’allostasi antivirale e l’immuno stimolazione preventiva

RISCHIO ZERO COVID.19 CON L’ALLOSTASI ANTIVIRALE E L’IMMUNOSTIMOLAZIONE PREVENTIVA

 

 

 

     RECENSIONE LIBRO

RISCHIO ZERO

             PER IL COVID-19 CON  l’ ALLOSTASI ANTIVIRALE E l’IMMUNOSTIMOLAZIONE PREVENTIVA

MANUALE DI DIETA ANTIVIRALE E D’INTEGRAZIONE NUTRACEUTICA

135 pagine- Ed. Università Ambrosiana

Inviato in dono a chi sostiene la ricerca scientifica della

Scuola Medica di Milano

Trattato sul COVID-19 e prevenzione (I° al mondo)  :  da AMAZON

 

Pubblicato il IV° testo del prof. Giuseppe R.Brera, attualmente il maggior esperto nel mondo sulla prevenzione “Centrata sulla persona” del COVID-19,    dopo i primi tre in lingua inglese distribuiti nel mondo

Il libro parte dalla spiegazione delle origini dei gravi errori  ed omissioni, che hanno portato alla diffusione mondiale dell’epidemia  , definibile giustamente  come “Sindemia” dal prof. Vincenzo Di Nicola ,presidente eletto della World Association of Social Psychiatry”,  per gli effetti sulla salute mentale. La sindemia è stata  causata non dal virus in sé, debolissimo e facilmente neutralizzabile, ma dalla mancanza di adozione del cambio di paradigma della scienza medica e della medicina: “ La medicina centrata sulla persona”  con il mantenimento del paradigma meccanicista e determinista ormai superato e pericoloso perché allontana le persone dalla responsabilità per la propria salute e dalla prevenzione , creando dei poteri finanziari-politico sanitari per cui la  prevenzione è una minaccia al profitto.

Il testo spiega molto bene come sotto il modo con cui è stata ed è affrontata la pandemia si gioca uno scontro sul futuro della Medicina, che la pandemia ha demarcato: un orientamento esclusivamente bio-tecnologico ( solo strumento necessario) meccanicista e determinista  vs  la “ Medicina centrata sulla persona”, introdotto dall’autore nel mondo nel 1998 presso la Scuola medica di Milano dell’ Università Ambrosiana, , basato sul cambiamento indeterminista ,interazionista e teleonomico  della scienza medica e della medicina  provocato  allostasi, psico-neuro-endocrino-immunologia,  psicofisiologia, neurobiologia, medicina.

quantistica, epigenetica-teoria della relatività delle reazioni  biologiche e della salute). Il SARS_COV 2 in questo senso demarcante, facendo esplodere il confronto è stato positivo.

La permanenza dell’orientamento meccanicista, a scapito della salute delle persone, che oggi va intesa come “ Scelta delle migliori possibilità per essere la migliore persona umana”,   evidenzia   l’esistenza di una pericolosissima  pandemia di analfabetismo epistemologico e scientifico  nei vertici della sanità italiana , che nell’introduzione e nel testo sono esaurientemente illustrate

L’autore illustra in modo comprensibile la teoria della resilienza che avrebbe dovuto essere adottata, allo scopo di creare uno scudo metabolico ed immunitario nella popolazione, basata sull’allostasi antivirale e l’immunostimolazione preventiva, da lui introdotta a livello scientifico e applicativo, che avrebbe stroncato non solo l’epidemia sul nascere ma, per azione incrociata, previene le malattie trasmissibili e il cancro. Successivamente è illustrata la genotossicità dei vaccini mRNA e  la cui pluri-somministrazione diminuisce le difese immunitarie, per “Immunity exaustion” e per silenziamento genetico ed  epigenetico slatentizzando tumori latenti e esponendo ad altri patogeni e varianti del SARS-COV 2, il testo offre  le indicazioni  pratiche per diminuire il rischio cancerogenetico dei vaccini mRNA e vettoriali. La morte di David Sassoli per Ca polmonare che a breve dopo fatto tre dosi di vaccino mRNA è coerente con le alterazioni epigenetiche che provocano il  silenziamento dei geni oncosoppressori e inibiscono l’immunità naturale. Come lui numerosi casi di recidive o di evidenza clinica di tumori sono stati riscontrati dopo i vaccini mRNA.

Il libro presenta , questa volta in Italiano, la teoria scientifica e le indicazioni pratiche per la prevenzione del COVID e la “ self care” ai primi stadi di un’infezione ancora aspecifica  delle prime vie respiratorie e del faringe  o per negativizzare un tampone positivo in breve tempo, con la costituzione di un’immunità  naturale specifica anti-virale, senza ulteriori vaccinazioni. come il prof.Brera aveva già precedentemente pubblicato. Questo significa che una persona infettata e asintomatica o poco sintomatica può vaccinarsi senza inoculazioni con banalissime integrazioni nutritive.   Un uovo di Colombo” facilmente utilizzabile, quasi gratuito reperibile facilmente in tutto i mondo, che agisce a livello preventivo immunogenetico , agente specifico di immunità adattiva, senza effetti avversi anche là dove non arrivano vaccini. La BIG-PHARMA , la cui criminalità nella sperimentazione diretta dei vaccini su bambini presi come cavie,, senza uno studio preliminare sugli animali, deve essere denunciata, è  così battuta dalla genialità italiana.

Il testo spiega in modo comprensibile la cancerogenicità dei vaccini mRNA e vettoriale, la cui somministrazione soprattutto a bambini , adolescenti e giovani è pericolosissima., anche per la possibile induzione di malattie autoimmuni e costituisce la base scientifica delle denunce alle procure dei responsabili dell’autorizzazione criminale alla distribuzione dei vaccini.

Visto il fallimento mondiale di questi vaccini e la loro pericolosità , per l’induzione dimostrata di sclerosi multipla o la sua slatentizzazione, dovuta all’azione alterante la trasmissione epigenetica e la metilazione dei geni promotori, il libro si presenta come testo base per la campagna di “ Allostasi antivirale e immuno stimolazione preventiva” promossa dal Comitato Sanitario Nazionale , alternativa a vaccini genotossici, la cui somministrazione in obbligo o in induzione coatta è attualmente promossa dal governo italiano, con provvedimenti anti-costituzionali, senza base scientifica.

Il libro è la giusta risposta alla politica anticostituzionale governativa, espressione del contagio di vertice della pandemia “ ANF-ANF” ( Analfabetismo), responsabile di una strage nel 2020 per le complicanze del SARS-COV 2 (93% della letalità per comorbidità) e che persiste in gravi  errori ed omissioni, con la complicità della maggioranza parlamentare incapace anche di difendere la Costituzione Italiana e la Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea”. Sono gli effetti dell’ibridazione del DNA dei neuroni dei cervelli di vertice italiano con gli adenovirus degli “scimpanzé ?

                                   INDICE

Introduzione                                                                      

  L’allostasi virale e antivirale e la pandemia dell’ignoranzaepistemologica    Il cambiamento del concetto di salut Il virus  SARS-COV 2 e la sua  allostasi   

  Le basi epistemologiche dell’allostasi anti-virale                                       

 La pericolosità e il danno epigenetico dei vaccini  mRNA e vettoriali                                                                                                                                                                               Genotossicità dei vaccini mRNA                                                        

 La pericolosità dei vaccini vettoriali                                       

 L’allostasi antivirale e l’immunostimolazione  preventiva               (sinossi)                                                                                                                                  Il    Ruolo preventivo dell’esercizio fisico nella prevenzione  del COVID19            Indicazioni applicative                                                                                                              Qualità della vita                                                                                                                    Dieta anti-virale  “ Rischio zero”                                                                                        Integratori anti Covid “Rischio zero”                              

Tecnologie anti virali per ambienti chiusi                                                 Trattamento immediato e della positività                                                                        Sinossi pratica                                                                                                                                    Conclusione

 

Un  sinossi applicativa, alternativa alla pericolosa e criminale vaccinazione dei bambini , adolescenti  e giovani  è ricevibile in immediato scrivendo a

no-covid19@scuolamedicamilano.it

Il libro è ricevibile dopo una donazione per la ricerca della Scuola medica di Milano

Dopo la donazione

Scrivere inviando l’indirizzo a

editorialdepartment@unambro.it

DONA

 

 

 

 

 

RISCHIO ZERO COVID.19 CON L’ALLOSTASI ANTIVIRALE E L’IMMUNOSTIMOLAZIONE PREVENTIVA

 

 

 

     RECENSIONE LIBRO

 

RISCHIO ZERO

             PER IL COVID-19 CON  l’ ALLOSTASI ANTIVIRALE E l’IMMUNOSTIMOLAZIONE PREVENTIVA

MANUALE DI DIETA ANTIVIRALE E D’INTEGRAZIONE NUTRACEUTICA

108 pagine- Ed. Università Ambrosiana

Inviato in dono a chi sostiene la ricerca scientifica della Scuola Medica di Milano

 

Pubblicato il IV° testo del prof. Giuseppe R.Brera, attualmente il maggior esperto nel mondo sulla prevenzione “Centrata sulla persona” del COVID-19,    dopo i primi tre in lingua inglese distribuiti nel mondo

Il libro parte dalla spiegazione delle origini dei gravi errori  ed omissioni, che hanno portato alla diffusione mondiale dell’epidemia  , definibile giustamente  come “Sindemia” dal prof. Vincenzo Di Nicola ,presidente eletto della World Association of Social Psychiatry”,  per gli effetti sulla salute mentale. La sindemia è stata  causata non dal virus in sé, debolissimo e facilmente neutralizzabile, ma dalla mancanza di adozione del cambio di paradigma della scienza medica e della medicina: “ La medicina centrata sulla persona”  con il mantenimento del paradigma meccanicista e determinista ormai superato e pericoloso perché allontana le persone dalla responsabilità per la propria salute e dalla prevenzione , creando dei poteri finanziari-politico sanitari per cui la  prevenzione è una minaccia al profitto.

Il testo spiega molto bene come sotto il modo con cui è stata ed è affrontata la pandemia si gioca uno scontro sul futuro della Medicina, che la pandemia ha demarcato: un orientamento esclusivamente bio-tecnologico ( solo strumento necessario) meccanicista e determinista  vs  la “ Medicina centrata sulla persona”, introdotto dall’autore nel mondo nel 1998 presso la Scuola medica di Milano dell’ Università Ambrosiana, , basato sul cambiamento indeterminista ,interazionista e teleonomico  della scienza medica e della medicina  provocato  allostasi, psico-neuro-endocrino-immunologia,  psicofisiologia, neurobiologia, medicina.

quantistica, epigenetica-teoria della relatività delle reazioni  biologiche e della salute). Il SARS_COV 2 in questo senso demarcante, facendo esplodere il confronto è stato positivo.

La permanenza dell’orientamento meccanicista, a scapito della salute delle persone, che oggi va intesa come “ Scelta delle migliori possibilità per essere la migliore persona umana”,   evidenzia   l’esistenza di una pericolosissima  pandemia di analfabetismo epistemologico e scientifico  nei vertici della sanità italiana , che nell’introduzione e nel testo sono esaurientemente illustrate

L’autore illustra in modo comprensibile la teoria della resilienza che avrebbe dovuto essere adottata, allo scopo di creare uno scudo metabolico ed immunitario nella popolazione, basata sull’allostasi antivirale e l’immunostimolazione preventiva, da lui introdotta a livello scientifico e applicativo, che avrebbe stroncato non solo l’epidemia sul nascere ma, per azione incrociata, previene le malattie trasmissibili e il cancro. Successivamente è illustrata la genotossicità dei vaccini mRNA e  la cui pluri-somministrazione diminuisce le difese immunitarie, per “Immunity exaustion” e per silenziamento genetico ed  epigenetico slatentizzando tumori latenti e esponendo ad altri patogeni e varianti del SARS-COV 2, il testo offre  le indicazioni  pratiche per diminuire il rischio cancerogenetico dei vaccini mRNA e vettoriali. La morte di David Sassoli per Ca polmonare che a breve dopo fatto tre dosi di vaccino mRNA è coerente con le alterazioni epigenetiche che provocano il  silenziamento dei geni oncosoppressori e inibiscono l’immunità naturale. Come lui numerosi casi di recidive o di evidenza clinica di tumori sono stati riscontrati dopo i vaccini mRNA.

Il libro presenta , questa volta in Italiano, la teoria scientifica e le indicazioni pratiche per la prevenzione del COVID e la “ self care” ai primi stadi di un’infezione ancora aspecifica  delle prime vie respiratorie e del faringe  o per negativizzare un tampone positivo in breve tempo, con la costituzione di un’immunità  naturale specifica anti-virale, senza ulteriori vaccinazioni. come il prof.Brera aveva già precedentemente pubblicato. Questo significa che una persona infettata e asintomatica o poco sintomatica può vaccinarsi senza inoculazioni con banalissime integrazioni nutritive.   Un uovo di Colombo” facilmente utilizzabile, quasi gratuito reperibile facilmente in tutto i mondo, che agisce a livello preventivo immunogenetico , agente specifico di immunità adattiva, senza effetti avversi anche là dove non arrivano vaccini. La BIG-PHARMA , la cui criminalità nella sperimentazione diretta dei vaccini su bambini presi come cavie,, senza uno studio preliminare sugli animali, deve essere denunciata, è  così battuta dalla genialità italiana.

Il testo spiega in modo comprensibile la cancerogenicità dei vaccini mRNA e vettoriale, la cui somministrazione soprattutto a bambini , adolescenti e giovani è pericolosissima., anche per la possibile induzione di malattie autoimmuni e costituisce la base scientifica delle denunce alle procure dei responsabili dell’autorizzazione criminale alla distribuzione dei vaccini.

Visto il fallimento mondiale di questi vaccini e la loro pericolosità , per l’induzione dimostrata di sclerosi multipla o la sua slatentizzazione, dovuta all’azione alterante la trasmissione epigenetica e la metilazione dei geni promotori, il libro si presenta come testo base per la campagna di “ Allostasi antivirale e immuno stimolazione preventiva” promossa dal Comitato Sanitario Nazionale , alternativa a vaccini genotossici, la cui somministrazione in obbligo o in induzione coatta è attualmente promossa dal governo italiano, con provvedimenti anti-costituzionali, senza base scientifica.

Il libro è la giusta risposta alla politica anticostituzionale governativa, espressione del contagio di vertice della pandemia “ ANF-ANF” ( Analfabetismo), responsabile di una strage nel 2020 per le complicanze del SARS-COV 2 (93% della letalità per comorbidità) e che persiste in gravi  errori ed omissioni, con la complicità della maggioranza parlamentare incapace anche di difendere la Costituzione Italiana e la Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea”. Sono gli effetti dell’ibridazione del DNA dei neuroni dei cervelli di vertice italiano con gli adenovirus degli “scimpanzé ?

                                   INDICE

Introduzione                                                                      

  L’allostasi virale e antivirale e la pandemia dell’ignoranzaepistemologica    Il cambiamento del concetto di salut Il virus  SARS-COV 2 e la sua  allostasi   

  Le basi epistemologiche dell’allostasi anti-virale                                       

 La pericolosità e il danno epigenetico dei vaccini  mRNA e vettoriali                                                                                                                                                                               Genotossicità dei vaccini mRNA                                                        

 La pericolosità dei vaccini vettoriali                                       

 L’allostasi antivirale e l’immunostimolazione  preventiva               (sinossi)                                                                                                                                  Il    Ruolo preventivo dell’esercizio fisico nella prevenzione  del COVID19            Indicazioni applicative                                                                                                              Qualità della vita                                                                                                                    Dieta anti-virale  “ Rischio zero”                                                                                        Integratori anti Covid “Rischio zero”                              

Tecnologie anti virali per ambienti chiusi                                                 Trattamento immediato e della positività                                                                        Sinossi pratica                                                                                                                                    Conclusione

 

Gli altri libri del prof. Giuseppe R.Brera sono   distribuiti  da AMAZON

Un  sinossi applicativa, alternativa alla pericolosa e criminale vaccinazione dei bambini , adolescenti  e giovani  è ricevibile in immediato scrivendo a

no-covid19@scuolamedicamilano.it

Il libro è ricevibile dopo una donazione per la ricerca della Scuola medica di Milano

Dopo la donazione

Scrivere inviando l’indirizzo a

editorialdepartment@unambro.it

DONA

 

 

 

 

 

AUMENTO DEL RISCHIO DI MORTALITA CON UN COMPLETO CICLO DI VACCINAZIONE PRIMA DEI SEI MESI IN ANZIANI >80

 

 

I lavori della terza sessione a del Convegno inaugurale  delle attività accademiche  della Scuola Medica di Milano  sul tema   “Prevenzione centrata sulla persona, rischi da vaccini genetici, terapia precoce di sabato 20 Novembre hanno rivelato risultati sorprendenti, tali da poter determinare un terremoto nella politica sanitaria italiana e mondiale contro il SARS-COV 2.

La prima rivoluzione proposta dal prof. Vincenzo Di Nicola, ( Università di Montreal,Harward,Ambrosiana)  è nella definizione della pandemia come “sindemia”, in quanto agente sia epidemia virale, sia come epidemia di problemi psicologici e psichiatrici dovuti all’isolamento, alla chiusura dei bambini ai rapporti sociali, coinvolgenti più di un miliardo di persone tali da poter determinare nell’infanzia il termine “ bambino sperimentale”,  per essere situati in una situazione  psico-biologicamente deteriore  da parte degli adulti. La seconda rivoluzione presentata con la documentazione scientifica  presentata dal dr.Maurizio Federico, (Direttore  del centro per la salute globale dello ISS) si basa sulla documentazione inconfutabile che gli attuali vaccini non producono anticorpi neutralizzanti (IGA) tali da impedire l’entrata del virus nelle cellule e la sua distruzione nelle mucose, in cui sono assenti. I risultati di questa ricerca[1] illustrata dal dr Federico, rivelano inconfutabilmente come i certificati verdi  siano un delirio , in quanto i vaccinati sono contagiosi nello stesso modo dei vaccinati, con lo svantaggio che se infettati dalla variante delta hanno dei processi di guarigione peggiori dei non vaccinati sintomatici. Inoltre l’immunità che previene la mortalità è situata nei polmoni è determinata dalle cellule di memoria immunitaria residenti che i vaccini non  determinano. Il terzo fattore, oltre al rapido decadimento dell’immunità da IGG , è il “ The original original sin” (“peccato originale degli antigeni”) per cui vaccini contro l’originale ceppo di Huwan , sono sempre più inefficaci, in quanto costruiti contro questo antigene per cui la terza dose va discussa. La relazione permette l’ipotesi che essendo i vaccini inefficaci , la riduzione della mortalità sia dovuta all’effetto “gregge” degli anticorpi neutralizzanti dei guariti e degli asintomatici, come è avvenuto nel 2003 (SARS-COV 1-)e nel 2010 (MERS), senza vaccini. I vaccini mRNA inoltre, non scopaioniodalle cellule L’acquisto di vaccini non sperimentati deciso nel Gennaio del 2020 appare dunque quanto mai strano. La terza relazione, di Giuseppe R.Brera ( Direttore Scuola Medica di Milano e presidente dello World Health Committee e del Comitato Sanitario nazionale) ha presentato uno studio epidemiologico fatto dalla Scuola Medica di Milano e dalla Scuola medica dell’Università di Minneapolis sui dati grezzi di Epicentro dello ISS, sull’andamento dell’epidemia tra non vaccinati e vaccinati in funzione dei decessi tra il 9 Ottobre ei 10 Novembre.  Lo studio, in pubblicazione, rivela un aumento significativo del rischio  di decessi negli anziani sopra gli 80  con un ciclo completo di vaccinazione prima dei sei mesi (OR 1,59 P=0,0003 ) e una tendenza all’aumento non significativo tra i 12-39 anni( OR 1,2 P= 0,85) . ll prof.Brera ha illustrato l’evidenza scientifica  della genotossicità dei vaccini  mRNA, attraverso ‘alterazione dei   micro-RNA, e quindi della trascrizione epigenetica a causa della sostituzione fatta dai produttori di una base con una base metilata per fuggire l’immunità e aumentare la velocità di traslazione.  Questa sostituzione  ha effetti catastrofici    inducendo  probabilmente tumori  solidi e leucemie, alterazioni neurologiche , tipo spettro autistico, ritardi mentali, problemi di apprendimento e inibizione dell’immunità naturale cellulare (attivazione linfociti),  patologie da silenziamento dei miRNA. Inoltre l’aumento del metiloma  cellulare  metila le altre basi nucleotidiche portando a un fenotipo cellulare che è notoriamente induttore di una degenerazione tumorale delle cellule. Solo la ricerca epidemiologica-ha evidenziato l’autore- potrà verificare il danno.  Il prof Brera,  autore  del primo trattato al mondo sul SARS-COV 2 e la sua prevenzione, ha illustrato che la teoria della relatività dell’infezione alla degenerazione lipidica delle membrane cellulari, e della probabilità di  una infezione severa  –teorizzate nel suo trattato- e dovuta al fenotipo   immunosoppressivo dell’aterosclerosi  e alla conseguente anergia,  come causa della letalità dopo 7 gg dall’infezione, appare confermato dal fatto che il 92% della mortalità da COVID-19  è causata da co-morbidità che per la maggior parte inducono aterosclerosi, malattia autoimmune, e a cui va indirizzata la prevenzione secondaria che la dirigenza sanitaria nazionale e internazionale ha omesso. L’autore, alla luce della genotossicità sia degli mRNA che dei vaccini vettoriali che s’ibridano con il DNA umano  con probabilità di tumori e auto-immunità, del loro limite immunogenico , e delle varianti,  ha illustrato la necessità di modificare totalmente la strategia preventiva, orientandola alla “Prevenzione centrata sulla persona” finalizzata tramite l’educazione alla salute a costituire per la popolazione uno scudo metabolico-immunitario, facilmente realizzabile, con uno stile di vita e una dieta antivirale e immunostimolante e che ha  denominato: “ Allostasi antivirale e immunostimolazione  preventiva”. L’errore  iniziale che perdura  è i natura epistemologica che  ha visto la pandemia nella prospettiva  rapporto di causalità  virus-infezione probabilità di morte e non “ virus-allostasi, immunità naturale, rapporto tra fattori protettivi e di rischio, probabilità di miglioramento o peggioramento, probabilità di guarigione o morte. Questo alfabeto della Medicina se fosse stato conosciuto dagli analfabeti , avrebbe portato a incentivare i fattori protettivi, tamponando i fattori di rischio nei soggetti con comorbidità.   E’ dunque urgente  ha concluso il prof.Brera, l’adozione della medicina centrata sulla persona e una ristrutturazione della sanità, centrndola sulle cure primarie e la prevenzione. Purtroppo oggi analfabeti o semi-analfabeti, anche criminali, hanno esposto a vaccini sperimentali adolescenti , non a rischio di COVID-19 e  causato in Italia e nel mondo  decessi di ragazzi e ragazze che oggi sarebbero vivi. Il Congresso  si è concluso con il I° workshop programmatico dello World Health Committee con la partecipazione dei prof.  Roy Kallivayalil , Robert Cloninger, Claudio Violato, Vito Galante e Giuseppe R.Brera  di altri intervenuti.

[1]

Planas D, Bruel T, Grzelak L, Guivel-Benhassine F, Staropoli I, Porrot F, Planchais C, Buchrieser J, Rajah MM, Bishop E, Albert M, Donati F, Prot M, Behillil S, Enouf V, Maquart M, Smati-Lafarge M, Varon E, Schortgen F, Yahyaoui L, Gonzalez M, De Sèze J, Péré H, Veyer D, Sève A, Simon-Lorière E, Fafi-Kremer S, Stefic K, Mouquet H, Hocqueloux L, van der Werf S, Prazuck T, Schwartz O. Sensitivity of infectious SARS-CoV-2 B.1.1.7 and B.1.351 variants to neutralizing antibodies. Nat Med. 2021 May;27(5):917-924. doi: 10.1038/s41591-021-01318-5. Epub 2021 Mar 26. PMID: 33772244.

 

Gli atti del Congresso sono richiedibili  con una donazione libera, finalizzata a finanziare il progetto di ricerca della Scuola Medica di Milano, su “ Rischio di tumori e recidive sui soggetti vaccinati anti-SARS-COV 2”

Donazione

 

Le richieste degli atti vanno indirizzate a editorialdepartment@unambro.it   e dipedit@unambro.it

 

a cura di Joannes Mazetès  managing editor

AUMENTO DEL RISCHIO DI MORTALITA CON UN COMPLETO CICLO DI VACCINAZIONE PRIMA DEI SEI MESI IN ANZIANI >80

 

 

I lavori della terza sessione a del Convegno inaugurale  delle attività accademiche  della Scuola Medica di Milano  sul tema   “Prevenzione centrata sulla persona, rischi da vaccini genetici, terapia precoce di sabato 20 Novembre hanno rivelato risultati sorprendenti, tali da poter determinare un terremoto nella politica sanitaria italiana e mondiale contro il SARS-COV 2.

La prima rivoluzione proposta dal prof. Vincenzo Di Nicola, ( Università di Montreal,Harward,Ambrosiana)  è nella definizione della pandemia come “sindemia”, in quanto agente sia epidemia virale, sia come epidemia di problemi psicologici e psichiatrici dovuti all’isolamento, alla chiusura dei bambini ai rapporti sociali, coinvolgenti più di un miliardo di persone tali da poter determinare nell’infanzia il termine “ bambino sperimentale”,  per essere situati in una situazione  psico-biologicamente deteriore  da parte degli adulti. La seconda rivoluzione presentata con la documentazione scientifica  presentata dal dr.Maurizio Federico, (Direttore  del centro per la salute globale dello ISS) si basa sulla documentazione inconfutabile che gli attuali vaccini non producono anticorpi neutralizzanti (IGA) tali da impedire l’entrata del virus nelle cellule e la sua distruzione nelle mucose, in cui sono assenti. I risultati di questa ricerca[1] illustrata dal dr Federico, rivelano inconfutabilmente come i certificati verdi  siano un delirio , in quanto i vaccinati sono contagiosi nello stesso modo dei vaccinati, con lo svantaggio che se infettati dalla variante delta hanno dei processi di guarigione peggiori dei non vaccinati sintomatici. Inoltre l’immunità che previene la mortalità è situata nei polmoni è determinata dalle cellule di memoria immunitaria residenti che i vaccini non  determinano. Il terzo fattore, oltre al rapido decadimento dell’immunità da IGG , è il “ The original original sin” (“peccato originale degli antigeni”) per cui vaccini contro l’originale ceppo di Huwan , sono sempre più inefficaci, in quanto costruiti contro questo antigene per cui la terza dose va discussa. La relazione permette l’ipotesi che essendo i vaccini inefficaci , la riduzione della mortalità sia dovuta all’effetto “gregge” degli anticorpi neutralizzanti dei guariti e degli asintomatici, come è avvenuto nel 2003 (SARS-COV 1-)e nel 2010 (MERS), senza vaccini. I vaccini mRNA inoltre, non scopaioniodalle cellule L’acquisto di vaccini non sperimentati deciso nel Gennaio del 2020 appare dunque quanto mai strano. La terza relazione, di Giuseppe R.Brera ( Direttore Scuola Medica di Milano e presidente dello World Health Committee e del Comitato Sanitario nazionale) ha presentato uno studio epidemiologico fatto dalla Scuola Medica di Milano e dalla Scuola medica dell’Università di Minneapolis sui dati grezzi di Epicentro dello ISS, sull’andamento dell’epidemia tra non vaccinati e vaccinati in funzione dei decessi tra il 9 Ottobre ei 10 Novembre.  Lo studio, in pubblicazione, rivela un aumento significativo del rischio  di decessi negli anziani sopra gli 80  con un ciclo completo di vaccinazione prima dei sei mesi (OR 1,59 P=0,0003 ) e una tendenza all’aumento non significativo tra i 12-39 anni( OR 1,2 P= 0,85) . ll prof.Brera ha illustrato l’evidenza scientifica  della genotossicità dei vaccini  mRNA, attraverso ‘alterazione dei   micro-RNA, e quindi della trascrizione epigenetica a causa della sostituzione fatta dai produttori di una base con una base metilata per fuggire l’immunità e aumentare la velocità di traslazione.  Questa sostituzione  ha effetti catastrofici    inducendo  probabilmente tumori  solidi e leucemie, alterazioni neurologiche , tipo spettro autistico, ritardi mentali, problemi di apprendimento e inibizione dell’immunità naturale cellulare (attivazione linfociti),  patologie da silenziamento dei miRNA. Inoltre l’aumento del metiloma  cellulare  metila le altre basi nucleotidiche portando a un fenotipo cellulare che è notoriamente induttore di una degenerazione tumorale delle cellule. Solo la ricerca epidemiologica-ha evidenziato l’autore- potrà verificare il danno.  Il prof Brera,  autore  del primo trattato al mondo sul SARS-COV 2 e la sua prevenzione, ha illustrato che la teoria della relatività dell’infezione alla degenerazione lipidica delle membrane cellulari, e della probabilità di  una infezione severa  –teorizzate nel suo trattato- e dovuta al fenotipo   immunosoppressivo dell’aterosclerosi  e alla conseguente anergia,  come causa della letalità dopo 7 gg dall’infezione, appare confermato dal fatto che il 92% della mortalità da COVID-19  è causata da co-morbidità che per la maggior parte inducono aterosclerosi, malattia autoimmune, e a cui va indirizzata la prevenzione secondaria che la dirigenza sanitaria nazionale e internazionale ha omesso. L’autore, alla luce della genotossicità sia degli mRNA che dei vaccini vettoriali che s’ibridano con il DNA umano  con probabilità di tumori e auto-immunità, del loro limite immunogenico , e delle varianti,  ha illustrato la necessità di modificare totalmente la strategia preventiva, orientandola alla “Prevenzione centrata sulla persona” finalizzata tramite l’educazione alla salute a costituire per la popolazione uno scudo metabolico-immunitario, facilmente realizzabile, con uno stile di vita e una dieta antivirale e immunostimolante e che ha  denominato: “ Allostasi antivirale e immunostimolazione  preventiva”. L’errore  iniziale che perdura  è i natura epistemologica che  ha visto la pandemia nella prospettiva  rapporto di causalità  virus-infezione probabilità di morte e non “ virus-allostasi, immunità naturale, rapporto tra fattori protettivi e di rischio, probabilità di miglioramento o peggioramento, probabilità di guarigione o morte. Questo alfabeto della Medicina se fosse stato conosciuto dagli analfabeti , avrebbe portato a incentivare i fattori protettivi, tamponando i fattori di rischio nei soggetti con comorbidità.   E’ dunque urgente  ha concluso il prof.Brera, l’adozione della medicina centrata sulla persona e una ristrutturazione della sanità, centrndola sulle cure primarie e la prevenzione. Purtroppo oggi analfabeti o semi-analfabeti, anche criminali, hanno esposto a vaccini sperimentali adolescenti , non a rischio di COVID-19 e  causato in Italia e nel mondo  decessi di ragazzi e ragazze che oggi sarebbero vivi. Il Congresso  si è concluso con il I° workshop programmatico dello World Health Committee con la partecipazione dei prof.  Roy Kallivayalil , Robert Cloninger, Claudio Violato, Vito Galante e Giuseppe R.Brera  di altri intervenuti.

[1]

Planas D, Bruel T, Grzelak L, Guivel-Benhassine F, Staropoli I, Porrot F, Planchais C, Buchrieser J, Rajah MM, Bishop E, Albert M, Donati F, Prot M, Behillil S, Enouf V, Maquart M, Smati-Lafarge M, Varon E, Schortgen F, Yahyaoui L, Gonzalez M, De Sèze J, Péré H, Veyer D, Sève A, Simon-Lorière E, Fafi-Kremer S, Stefic K, Mouquet H, Hocqueloux L, van der Werf S, Prazuck T, Schwartz O. Sensitivity of infectious SARS-CoV-2 B.1.1.7 and B.1.351 variants to neutralizing antibodies. Nat Med. 2021 May;27(5):917-924. doi: 10.1038/s41591-021-01318-5. Epub 2021 Mar 26. PMID: 33772244.

 

Gli atti del Congresso sono richiedibili  con una donazione libera, finalizzata a finanziare il progetto di ricerca della Scuola Medica di Milano, su “ Rischio di tumori e recidive sui soggetti vaccinati anti-SARS-COV 2”

Donazione

 

Le richieste degli atti vanno indirizzate a editorialdepartment@unambro.it   e dipedit@unambro.it

 

a cura di Joannes Mazetès  managing editor

COMUNICATO IMPORTANTE: DIMOSTRATO IL DANNO EPIGENETICO CAUSATO DAI VACCINI m-RNA

 

COMUNICAZIONE IMPORTANTE

Un ‘importante pubblicazione nel 2019 aveva dimostrato  inconfutabilmente il danno epigenetico dei vaccini m-RNA anti COVID-19 , le cui conseguenze sull’induzione di numerose patologie possono essere molto gravi oltre  a garantire un’ efficacia preventiva limitata nel tempo (4-6 mesi) e ridottissima per gli anziani a causa dell’immunsenescenza, e relativa al ceppo virale.

Un altro articolo mostra inconfutabilmente le alterazioni epi-transcrittomiche dei vaccini m-RNA anche queste con conseguenze ignote ma prevedibili.

Questi due articoli insime ad altri già citati, confermano l’ipotesi di LUC MONTAGNER premio Nobel per la Medicina, sulla pericolosità dei vaccini “genetici”.

Questi articoli mostrano che la prudenza da parte della popolazione italiana che non si è vaccinata e del personale  sanitario e delle Forze dell’Ordine che hanno rifiutato la vaccinazione ha una inconfutabile giustificazione scientifica ed evidenzia  le responsabilita penali  dell’AIFA, dell’EMA, del Ministero della Salute,del Comitato tecnico scientifico, delle Società scientifiche italiane che hanno indotto la vaccinazione degli adolescenti, e degli Ordini dei Medici che hanno sospeso i sanitari non vaccinati  e delle istituzioni che hanno discriminato le Forze dell’Ordine non vaccinate.

La non liceità del certificato verde ( Green Pass), già di per sé assurdo,  discriminante in modo non scientifico ed etico una parte della popolazione italiana assume un’ulteriore infondatezza.

L’ulteriore e grave problema nazionale sta nelle possibile conseguenze neurobiologiche delle alterazioni epigenetiche dei vaccini che potrebbero condurre ad alterazioni psicologiche, cognitive e comportamentali, che se nei vertici istituzionali potrebbe avere conseguenze catastrofiche.

Il problema sanitario futuro sarà la prevenzione  prevenzione dei danni epigenetici  ed epitranscrittomici da vaccini m-RNA  e vettoriali possibile  studiando un programma d’induzione metabolica di “Anti vaccine allostasis”

E’ evidente che il Ministero della salute e l’AIFA saranno indirizzati a non compiere le necessarie ricerche epidemiologiche in materia, per proteggersi dalle responsbilità penali delle omissioni e degli  errori gravissimi nella strategia preventiva anti-SARS-COV 2 ,tra cui i decessi di adolescenti , non a rischio di COVID-19 nè di complicanze mortali, che sarebbero ancora vivi se non fosse stata indotta la vaccinazione

Si informano i lettori di www. comitatosanitarionazionale.it, che i contenuti di rilievo scientifico,e le pubblicazioni presenti sul BLOG sono sotto password che può esser acquisita solo su richiesta scrivendo all'amministrazione pw@comitatosanitarionazionale.it

 

TRATTATO SULLE BASI SCIENTIFICHE DELL’ ALLOSTASI ANTIVIRALE E l’IMMUNOSTIMOLAZIONE PREVENTIVA

PRESENTAZIONE

E’ entrato in distribuzione negli USA e in UK , tramite Amazon, la seconda e terza parte del primo  trattato edito al mondo sul SARS-COV 2  del prof. Giuseppe R.Brera, Presidente del Comitato Sanitario nazionale, dello World Health Committee  e Direttore della Scuola Medica di Milano( (332 pagine -611 note bibliografiche ). Università Ambrosiana ed. 2021

Brera G.R . SARS-COV 2- allostasis and the people and person-centered prevention. part 2 The sars-cov 2- induced  immunosuppression and covid-19 anergy part 3 The antiviral metabolic allostasis and preventive immunostimulation  – How to induce zero risk for covid-19. Milan:  Università Ambrosiana: 2021   332 pag.  611 references”

Nella prima parte del trattato, “ The virus entry”  l’autore aveva dimostrato come il Virus SARS-COV 2 entra nelle cellule tramite membrane  cellulari  patologiche  caratterizzate da una degenerazione lipidica, spiegando così  la vulnerabilità degli anziani con comorbidità che hanno  come denominatore comune l’aterosclerosi e la protezione dall’infezione nei giovani , adolescenti e  bambini  non soggetti all’immunosoppressione per mancanza di alterazione nella transduzione dei segnali  immunitari e la validità conservata dell’immunità umorale e cellulare innata, fatto verificato da ricerche epidemiologiche.

Questo ha portato il prof Brera a  teorizzare un’equazione di relatività  dell’infezione e una di probabilità della gravità dell’infezione aprendo a una nuova prospettiva della prevenzione, capace d’individuare i soggetti a rischio di severità del COVID-19.

Nella seconda parte del trattato il prof. Brera ha approfondito nella prospettiva biochimoco-immunologica-virologica dell’allostasi virale  la relazione tra la patologia aterosclerotica , l’immunosoppressione e l’anergia immunitaria nelle persone a rischio, causa della letalità .

Il trattato falsifica completamente la scelta della della vaccinazione anche plurima  degli anziani ,  con  o senza aterosclerosi , a causa dell’immunosenescenza  e  di un fenotipo immunosoppressivo-se con aterosclerosi- che comporta la mancanza dell’induzione della memoria immunitaria, la mancata proliferazione e attivazione dei linfociti T e B e induce un’immunità, se esiste, di poche settimane ( ca tre). Infatti letalità di anziani vaccinati  sono all’ordine di cronaca.

Il trattato dimostra che la politica governativa di vaccinare gli anziani è completamente sbagliata e li espone ad effetti avversi immediati (anche la morte)  e a lungo termine,. Questo richiede  un cambio totale di strategia preventiva e cure precoci efficaci, passando all’ Allostasi antivirale e all’immunostimolazione preventiva  con le dimissioni del Ministro della sanità  e del vice, già richieste dal CSN, con petizione al Senato e richiesta al Presidente del Consiglio.

Nella terza parte il trattato  analizza in profondità sul piano biochimico e immunologico  (130 pagine) la potentissima azione antivirale e immuno-stimolante e immunogenica  di una dieta facile  contenente particolari metaboliti naturali e integratori nutraceutici tali da annullare il rischio del contagio  da Sars-COV 2 e varianti , molti virus e del COVID-19, suggerendo la validità di una prevenzione primaria e secondaria basata sull’allostasi antiviralee l’immunostimolazione preventiva che avrebbe portato all’inizio della pandemia al suo blocco e al risparmio di milioni d vite umane-tra cui 120.000 in Italia.  –parole ancora estranee, per ignoranza epistemologica, alle salubri intelligenze ministeriali e a virologi-immunologi mediatici, non solo italiani.  

Il trattato  pone le basi della strategia antivirale e d’immunostimolazione preventiva, teorizzata dall’autore, non solo del  SARS-COV 2,  altri virus ma anche  di malattie non trasmissibili come il cancro che condivide nella prima fase,  dell’infezione le alterazioni  metaboliche (1) del SARS-COV 2  e che lo World Health Committee (in fase organizzativa) sta lanciando nel mondo come unica possibilità per prevenire ulteriore epidemie dovute anche alla produzione di varianti indotte da una vaccinazione di massa selvaggia e pericolosa , come è stato dimostrato dalle  alterazione epigenetiche indotte dai vaccini m RNA  che a causa dell’alterazione dei gameti vengono trasmesse alla discendenza. Queste alterazioni   pongono dei gravi interrogativi su presenti e futuri effetti sul cervello  e quindi sulla salute mentale  comportamentale e induzione di tumori  e patologie in tutto l’organismo a cui si aggiunge dalla probabile alterazione del genoma umano da parte dei vaccini vettoriali evidenziata da alcuni lavori che abbiamo evidenzato nel blog.

Il lavoro sarà  oggetto di una ulteriore comunicazione del CSN –

Questi dati inconfutabili presentano situazioni d’obbligo alla scelta (Green Pass) e l’induzione alla vaccinazione di bambini e adolescenti-giovani – causa anche di decessi- o la sospensione dei sanitari  giustamente prudenti e  dissenzienti

come espressione di un vero e folle abuso di potere.

Il trattato-  è ispirato dalla Medicina Centrata sulla persona . cambiamento di paradigma della scienza medica di cui l’autore è il principale ispiratore nel mondo e docente presso la Scuola Medica di Milano.

Nell’introduzione  il prof. Brera ha presentato il conflitto slatentizzato dalla pandemia, tra un approccio preventivo-terapeutico bio-tecnologico   , solo necessario strumento ma non significato della medicina, e il cambiamento di paradigma del concetto   della Medicina e della salute, che il prof. Brera ha presentato nel 2011, su invito, alla Organizzazione Mondiale della Sanità, che oggi è definibile come “ La scelta delle migliori possibilità per essere la persona umana”, un programma  anche politico , base della “Charte Mondiale de la Santé” – “ The World health Charter” presentata a Milano nel 2017.

Il trattato pone le basi scientifiche del programma di sviluppo della sanità mondiale, non solo italiana, chiamato “ People and Person-Centered Prevention Program” promoso dallo World Health Committee, che sposta con la Medicina centrata sulla persona  la salute pubblica degli stati a investire sulla prevenzione , l’educazione alla salute e alla “Self health care”.

Questo è l’ esatto contrario di  programmi sanitari centrati su terapie e prevenzioni “meccanicistico-bio tecnologiche”   ,che conculcano  il diritto fondamentale dell’uomo alla libertà di scegliere ciò che sia più opportuno per la salute personale ( art.2 della Costituzione Italiana-Diritto alla salute) , e promuovono anche la criminale vaccinazione dei bambini e adolescenti, senza una giustificazione epidemiologica, con effetti avversi certi e anche mortali , e  inducono  la dipendenza degli stati dai mercanti della salute e dei vaccini,  interessati ad avere una massa di malati cronici  per ragioni di profitto.

Membri della consorteria delle multinazionali  del farmaco sono stati anche capaci anche di falsificare i dati scientifici per vendere, come è apparso dalla multa di 250 milioni di dollari  data alla Smith-Kline and Becham  dalla FDA nel 2014  e presentare programmi sperimentali di vaccini anti SARS-COV 2  di limitata e dubbia validità,(2) omettendo lo studio degli effetti avversi dei vaccini.  La SKB ha introdotto in Italia la vaccinazione esavalente, con l’approvazione dell’Istituto Superiore di Sanità e dell’allora  Ministro Lorenzin,  omettendo la valutazione del  raddoppio del rischio di mortalità nei neonati tra 0 e 15 gg , fatto che ha comportato un esposto alla magistratura .

Brera G.R . SARS-COV 2- allostasis and the people and person-centered prevention. part 2 The sars-cov 2- induced  immunosuppression and covid-19 anergy part 3 The antiviral metabolic allostasis and preventive immunostimulation  – How to induce zero risk for covid-19. Milan:  Università Ambrosiana: 2021   332 pag.  611 references -150 $

in italia il libro è distribuito dal dipartimento editoriale dell’università ambrosiana

richiedere  a  editorialdepartment@unambro.it

recensione a cura di  Iohannes Mazethès

  1. Brera G.R . SARS-COV 2- allostasis and the people and person-centered prevention. part 4 – The SARS-COV 2  viral allostasis and metabolic targets. Università Ambrosiana: 2021  (in press)
  2.   Doshi P. Will Covid-19 vaccines save lives? Current trials aren’t designed to tell us .  Internet BMJ 2020;371:m4037http://dx.doi.org/10.1136/bmj.m4037

recensione a cura di  Iohannes Mazethès

©Copyright Comitato Sanitario Nazionale 2021

    Ogni riproduzione riservata

DIFFIDATO IL MINISTRO DELLA SANITA’ SPERANZA

 

Diffidati il Ministro della sanità Speranza e i presidenti delle Regioni Italiane dal Comitato Sanitario Nazionale , dalla Scuola Medica di Milano, dalla Società Italiana di Adolecentologia e Medicina dell’adolecenza dal promuovere la vaccinazione anti-SARS COV 2 ai bambini e ai giovani fino a 29 anni.

La diffida è stata firmata , in rapprentanza dal prof. Giuseppe R. Brera , autore del primo trattato sul SARS-COV 2, ditribuito nel mondo, e scopritore della relatività dell’infezione in relazione allo stato delle membrane cellulari

IL TESTO DELLA DIFFIDA

 

Milano, 15 maggio 2021                                                          prot.4 Pr-2021

 

Al Ministro della Sanità

Roberto Speranza

 

Al Presidente della Regione Lombardia

Attilio Fontana

 

Al Presidente del Consiglio regionale della Lombardia

Alessandro Fermi

 

Ai Presidenti delle Regioni Italiane

 

Ai Capigruppo della Camera e del Senato

 

CC

Al Presidente del Consiglio dei Ministri

Mario Draghi

 

CC

Al Presidente della Repubblica Italiana

Sergio Mattarella

 

CC

Al Sig. Procuratore generale della Repubblica

di Milano

Dott. Francesco Greco

 

Oggetto: Diffida

Venuti a conoscenza dell’intenzione da parte della Regione Lombardia e di altre Regioni di vaccinare contro il Corona Virus ( ceppo 19), la popolazione giovanile tra i 16 e i 29 anni,  non essendovi inconfutabilmente alcun motivo scientifico, anche alla luce della scoperta dell’allostasi virale, [1] [2] [3],  ed epidemiologico (tab 1) che lo giustifichi, dato che  la popolazione tra gli zero e i 29 anni  è protetta naturalmente come dimostra l’indice casi/fatalità uguale a zero,

inoltriamo Diffida

contro l’induzione della popolazione giovanile alla vaccinazione e la pressione mediatica motivante.

Riteniamo inoltre  un atto criminale esporre la popolazione dei bambini e dei giovani a vaccini sperimentali i cui trials scientifici, non terminati, sono oggetto di fondate critiche  [4]e di cui non si conoscono gli effetti avversi a breve- lunga distanza e che possono essere anche molto gravi  o slatentizzanti patologie silenti in atto. (1) Questi vaccini inoltre hanno un effetto limitato nel tempo (sei mesi- mRNA)  e sono relativi al genoma virale, per cui inutili o limitatamente utili per le varianti  e per  gli anziani, per età  immuno-senescenti con o senza  comorbidità. I vaccini, impediscono la replicazione del virus e non l’infezione iniziale e i loro limiti  disegnano questa sola filosofia preventiva a livello generale,  insufficiente , limitata e probabilmente molto pericolosa, per alcuni di essi.  Diffidiamo inoltre contro la sperimentazione dei vaccini su neonati e bambini come pare programmata presso l’Ospedale Buzzi di Milano, chiedendo l’intervento urgente per il blocco dell’iniziativa sia a Milano, che in Italia.

 Tab 1

 

Distinti saluti

Giuseppe R. Brera

 

 

*  Rettore-Università Ambrosiana, Presidente del Comitato sanitario nazionale   e  “International Committee for health and      Medicine paradigm change”,Direttore della Scuola medica di Milano , e della “Person Centered Medicine International Academy, Secretary of the International Commitee  of “La Charte Mondiale de la Santé-the World Health Charter

Coordinator of the International Committee of “ The Universal Declaration of  Youth Rights and Duties”

Honorary Fellow of the World Association od Social Psychiatry

TAB 1

From: Giuseppe R.Brera The “Person-centered health relativity” and the “People and person-centered prevention” theories: from epistemology to the covid-19 pandemic shut-down. Proceedings from the 13° Geneva conference on Person Centered Medicine. Geneva 5-7 April 2021 International College for Person Centered Medicine, 2021

 

[1] Giuseppe R.Brera Person-Centered Medicine and Person-Centered Clinical Method. Clinical results of the Medicine unitary paradigm and the COVID-19 people and person-centered prevention theory Milan; University Ambrosiana Editions, 2021

 

  [2]   Giuseppe R.Brera Sars-Cov-2 allostasis and the COVID-19  people and person-centered prevention-A new prevention strategy  based  on  the people’s metabolic and immune shield induction for the COVID-19 pandemic shutdown”; University Ambrosiana Editions, 2021

 

[3] Giuseppe R.Brera The “Person-centered health relativity” and the “People and person-centered prevention” theories: from epistemology to the covid-19 pandemic shut-down. Proceedings from the 13° Geneva conference on Person Centered Medicine. Geneva 5-7 April 2021 International College for Person Centered Medicine, 2021

 

 

[4] Doshi P. Will covid-19 vaccines save lives? Current trials aren’t designed   to    tell us. BMJ 2020;371:m4037   http://dx.doi.org/10.1136/bmj.m4037Published: 21 October 2020

 

(1) Nota di redazione

a  I vaccini mRNA inducono una dinamica epitranscrittomica dello RNA       identica a quella delle cellule tumorali

b  c’è la possibilità di formazione d’immunocomplessi che possono indurre malattie autoimmuni

Solo ricerche epidemiologiche accurate potranno valutare il rischio vaccinale.

La ricerca Pfizer su 2000 bambini e adolescenti (BA), in pochi mesi, fatta passare dall’EMA, come garante dell’assenza di rischio vaccinale non indica nulla.

 

Bibliografia

Person -Centered Medicine and Person -Centered Clinical Method- Practical results of the Medicine unitary paradigm and the COVID-19people and person-centered prevention theory ”
131 p. -132 references euro 35  ( e-book –  printed in distribution )
  

Sars-Cov-2 allostasis and the COVID-19  people and person-centered prevention-A new prevention strategy  based  on  the people’s metabolic and immune shield induction for the COVID-19 pandemic shutdown”
TREATISE  632 p. – 1065 references.   ( 4 parts)  ( in distribution within 15 June  1st part ”  Relativity of the virus entry”) Only printed  35 euro
(booking is possible) 

 

Editorial orders and booking:  University Ambrosiana editorial department

editorialdepartment@unambro.it