COMPLIMENTI AL GOVERNO MELONI E ALLA “NORIMBERGA” DELLA CUPOLA SANITARIA CONTE-DRAGHI

 

COMPLIMENTI AL GOVERNO MELONI E ALLA “NORIMBERGA” DELLA CUPOLA SANITARIA CONTE-DRAGHI

Il governo Meloni, come aveva promesso il Presidente del consiglio in campagna elettorale ,ha riammesso al lavoro i medici che prudentemente e saggiamente non erano vaccinati e annunziato il ritiro delle contravvenzioni per chi non si è vaccinato .

Le motivazioni addotte dal nuovo ministro della salute Schillaci, per la riammissione dei medici reietti, perché non vaccinati tuttavia non sono sufficienti: la questione non è solo il fatto che mancano medici per la scellerata gestione della sanità da parte dei suoi colleghi antecedenti, e dai ministri dell’Università, ma va estesa al fatto che la verità scientifica mostra che i vaccinati e non vaccinati espongono e sono esposti allo stesso modo al rischio di contagio, perché i vaccinati non hanno hanno IGA o sono insufficienti sulle mucose e non hanno memoria immunitaria sull’epitelio polmonare . I vaccini mRNA e vettoriali sono evanescenti, soprattutto per gli anziani immunosenescenti loro reiterata  somministrazione deprime il sistema immunitario naturale e li rende  più vulnerabili alle jnfezioni e   per il ” peccato antigenico originale” la difesa è inefficace e evanescente. Questo vale per tutti  per tutti e in modo particolare  per gli anziani immunosenescenti e per pazienti con patologie aterosclerotiche. I truffaldini e pericolosi sieri mRNA, che provocano un terremoto epigenetico ed immunodepressione ed espongono con ogni probabilità a una maggiore vulnerabilità alla degenerazione maligna delle cellule e ,per l’immunodepressione indotta ,a ogni malattia trasmissibile, a causa dell’induzione della metilazione cellulare con un maggior rischio per pazienti oncologici o ex oncologici. andrebbero tolti di circolazione, sopratutto quelli destinati ai bambini.  

A conferma dell’immunodepressione e dell’evanescenza i vaccinati si ammalano più volte e i pazienti incologici vaccinati sono a più rischio d’infezione, di ricovero e di mortalità.

Sono invece protetti per almeno un anno, ma con cellule B di memoria permanenti, coloro che hanno avuto un’infezione sintomatica che hanno anticorpi anche IGA e conro la proteina di replicazione N, cosa che i vaccinati non hanno, indifesi contro le varianti e per di più con un’immunità naturale compromessa dalle vaccinazioni. Lo Speranza e i soci vorrebbero invece rivaccinarli.

Il “green pass”, contro la verità scientifica che ha spaccato il paese , danneggiandolo- grazie Draghi- è stato un atto legislativo delirante degno della miglior psicosi di massa, che ha contagiato anche illustri ricercatori mono-dimensionali-e di cultura scientifica frammentaria. 

La stessa reazione psicotica, si è verificata all’annuncio, quando analfabeti hanno dato fiato a un aggressione mediatica contro i medici riammessi, che andrebbero invece decorati al valore civile, per avere difeso la verità oggettiva e la scienza medica, in contrasto con la banda  dominante negli Ordini dei medici. Il fatto chiede un’interpretazione psico-socio-analitica. Abbiamo chiesto al  prof Giuseppe R. Brera, di analizzarla. Il professore ,della scuola di Franco Fornari e Ferdinando Vanni . direttore della Scuola Medica di Milano e socio onorario della World Society of Social Psychiatry , che negli anni settanta del secolo scorso ha fatto il primo studio al mondo di socioanalisi  del conflitto nell’istituzione ospedaliera, ha accettato.

L’omissione della prevenzione secondaria nella pandemia COVID-19, ” la tachipirina e vigile attesa”,  l’istituzione erronea della vaccinazione per bambini , adolescenti e giovani non a rischio di gravi sindrome cliniche e protetti naturalmente dall’infezione, e altro, causando morti e invalidità in persone sane,è stato oggetto di un esposto, con la richiesta del rinvio a giudizio, di Speranza e  i protagonisti della sabba dell’analfabetismo scientifico che ha causato più di centomila morti.

L’atto dà inizio alla “Norimberga”, auspicata da Stefano Zecchi, contro i fautori della più grande truffa  di stato a danno della salute della popolazione italiana e mondiale e promossa da ricerche cliniche truffaldine e farlocche, a fini di profitto, come ha ben documentato Christine Cotton, la più importante bio-statistica vivente. Vanno anche individuate le responsabilità della Ursula europea che ha comperato alla cieca dei sieri e dell’EMA che ha dato autorizzazioni non sostenute dalla verità scientifica

Come ha infatti documentato il prof. Brera-il maggior esperto al mondo sulla prevenzione del COVID-  nel suo trattato,  la pandemia sarebbe stata facilmente prevenibile e bloccabile senza vaccinazione di massa che ha indotto ulteriori mutazioni e varianti in un virus che come lo HIV, di cui è cugino, è altamente mutante.

Le epidemie del 2002 del 2009 sono scomparse in un anno senza vaccinazione di massa.

Il nuovo Ministro della sanità, deve dunque aggiornarsi sulla verità inerente lo sviluppo della pandemia e sugli errori ed omissioni della cupola sanitaria “Conte-Draghi”, difendendo i medici che non si sono vaccinati , da ogni discriminazione , mantenendo l’annullamento delle sanzioni, e abolendo il “green pass”.

Inoltre l’Italia dovrebbe chiedere un risarcimento danni alla Pfizer, produttrice di un siero mRNA per gli errori ed omissioni nella sperimentazione. Come mai nel consenso informato inoltre non è stato citato il rischio di morte ?

Naturalmente il Ministro dovrebbe dimissionare tutti i membri della cupola sanitaria ancora oggi presenti con la loro ignoranza al Ministero, che ha nnocausato migliaia di morti  e sono tuttora una vera minaccia per la salute pubblica.

“ Tachipirina e vigile attesa” di Speranza-Palu’- Rezza , docet.

J. Mazetès Managing editor

Copyeight Comitatos Sanitario Nazionakle 2022

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.