L’ESSENZA DELLA MEDICINA E IL FALLIMENTO DELLA “WORLD HEALTH ORGANIZATION” . “ARBEIT MACHT FREI”


L’ESSENZA DELLA MEDICINA E IL FALLIMENTO DELLA “WORLD HEALTH ORGANIZATION” .
“Arbeit Macht Frei”

 Giuseppe R.Brera*

L’essenza della Medicina è la cura e il prendersi cura di ogni uomo malato oltre ogni confine della terra e prevenire la patogenesi attraverso la ricerca psico-bio-medica, con un’organizzazione sanitaria che realizzi il diritto alla salute per tutti fondata sulla prevenzione e l’educazione alla salute e la “self-care”. Oggi questo è possibile grazie al cambiamento epistemologico indeterminista e teleonomico della Medicina centrata sulla persona, madre della rivoluzione del concetto di salute (2011), definita come “ La scelta delle migliori possibilità per essere la migliore persona umana”, che chiama la persona alla responsabilità per costruire la propria dignità di essere una persona umana e gli stati a costruire le possibilità perché questo possa realizzarsi, con la garanzia degli elementi primari materiali, alimentazione sana, educazione , abitazione confortevole, lavoro, cure mediche disponibili per tutti.

La democrazia di un stato si rivela nella capacità di garantire gratuitamente  tutti i diritti fondamentali dell’uomo. Stati come gli USA, che si fanno paladini cruenti della democrazia, (come hanno “insegnato” nei macelli di Dresda, Hiroschima-Nahasaki, con il Napalm su donne e bambini in Vietnam, con 200.000 morti tra civili a Baghdad , le bombe su Tripoli e altri  che hanno legalizzato l’eutanasia e l’infanticidio di bambini handicappati come l’Olanda e il Belgio, in realtà non ne conoscono il fondamento. Nessuno ha infatti il diritto di decidere del diritto alla vita di un altro, per di più senza capacità autonome di decisione e di difesa. In USA è possibile morire se una persona non è assicurata o non ha la carta di credito . Un vero esempio di civiltà democratica centrata sui diritti dell’uomo !
La responsabilità individuale è tuttavia possibile solo alla luce della consapevolezza dell’esistenza della verità oggettiva perché il proprio bene e quello degli altri possa realizzarsi. Questa coscienza è oggi culturalmente in crisi anche per il degrado culturale della popolazione. La responsabilità implica la libertà di scelta delle migliori possibilità per essere dei veri uomini e delle vere donne, che non può essere separato dall’esistenza di diritti fondamentali alla dignità. Responsabilità, verità e libertà sono inscindibili, come è inscindibile la scienza dall’esistenza e dall’essere. La verità non può essere confusa con l’arbitrio o l’opinione giornalistica. La salute dunque si fonda su un orientamento morale dell’esistenza, come insegna la kairologia:” E’ vero che questo è un bene per me e per gli altri”, che realizza l’assunto rivoluzionario antropologico-mistico di Gesù Cristo: “ Ama il tuo prossimo come te stesso”. L’ amore ha un effetto epigenetico già nelle prime fasi della vita del bambino, ancora nel ventre materno e con la qualità della madre e del padre prima del concepimento e durante la gravidanza, come ci insegna la ricerca epigenetico-neurobiologica.
L’Organizzazione Mondiale della Sanità, come la maggioranza degli stati si sono già distinti per analfabetismo scientifico nell’incapacità di prevenire la pandemia SARS-COV 2 ,con l’allostasi antivirale e l’immunostimolazione preventiva, come ho dimostrato, possibile a costi zero o quasi facendo tesoro della ricerca sulla SARS-COV del 2002-2003 e della MERS del 2009-2019, scomparse senza vaccinazione di massa. Dopo avere minimizzato il rischio dell’epidemia all’esordio, ha preferito orientare verso vaccini sperimentali con metodi di ricerca totalmente sbagliati come ha messo definitivamente in luce Christine Cotton. Questo fatto può essere correlato al finanziamento della WHO da parte di lobbies implicate nella produzione dei vaccini.
Recentemente la WHO ha pubblicato un libro di 200 pagine, con la consulenza di massimi esponenti internazionali dell’ideologia e della pratica abortista come Dhammika Perera ( Maria Stopes International – 80.000 aborti all’anno solo in UK ), Laura Castleman (Planned Parenthhood Michigan) il più grande abortificio degli USA. Nel tomo della WHO vengono stilate linee guida per i governi desinate a favorire l’aborto, per “ Donne e ragazze e altre persone in gravidanza” con riferimento specifico ai LGBT, benedette certamente da Emmanuel Macron che ha proposto un cambiamento della costituzione europea in questo senso. Nel Maryland (USA) è in discussione una legge per estendere l’omicidio anche nel periodo “perinatale”, cioè dopo la nascita e in Canada e nello stato di New York già l’omicidio è possibile fino al 9° mese di gestazione. “ Arbeit Macht Frei” (il lavoro rende liberi) era il benvenuto nel campo nazista di Auschwitz e potrebbe essere il benvenuto nella sale chirurgiche o nei day-hospital, definibili come “ sale di sterminio ginecologico” dove veri e propri “ Boia di stato” praticano l’omicidio di esseri umani sia sani che malati nelle prime fasi della vita ( genocidio). Questo “ macello” benedetto dal presidente degli USA, Biden, e dai suoi predecessori, eccetto Donald Trump, e da molti altri capi di stato come Macron,  è responsabile, in una prospettiva psicoanalitica di un “pool” di sensi di colpa inconsci collettivi che chiedono una catarsi , la cui più facile espressione è la guerra. La cecità diplomatica nel prevenire il conflitto Russia-Ucraina o il suo favore per otto anni finanziando l’Ucraina nella guerra contro le repubbliche del Dombass, ha questa origine. 
In realtà alla base di ogni guerra, c’è sempre un desiderio inconscio di catarsi come c’insegna la polemologia psicoanalitica (Franco Fornari) , basata sulla necessità dell’elaborazione schizo-paranoidea del lutto , come difesa del gruppo e dell’io dalla depressione: ” istinto di morte in cultura”. C’è un determinismo naturale che lega la morte alla guerra come appare dall’antropologia e che è stato dissolto dal cambiamento della natura umana effettuato da Dio attraverso la ri-creazione operata da Suo figlio, che si è posto come necessità non come opzione per la pace della persona e del mondo. Oggi le conoscenze psico-analitiche ed epigenetico-neurobiologiche – psico-neuro immunologiche permettono di comprendere il cambiamento della natura umana che lega la dimensione mistica ed esistenziale della persona di Gesù Cristo alla biologia  dell’uomo e pongono la qualità del suo essere al centro di ogni fenomeno biologico e pisico-sociale. Le chiese cristiane sono in forte ritardo nel capire questo assioma, che ha vinto la la condanna  dell’uomo a essere schiavo”dell’istinto di morte”. Le stesse dinamiche che spingono un medico a divenire omicida o una donna a scgliere la morte del figlio e non la sua vita sono sono  le stesse che spingono gli stati a promuovere e a fare la guerra. All’origine c’è il “buco nero” dei sensi di colpa inconsci  da catarizzare nei confronti degli oggetti d’amore ( posizione schizo-parainodea) e un’esistenza che esclude dalle proprie scelte l’idea di una morale fondata sulla dimensione spirituale e mistica del rapporto con Dio, vissuta come un opzione oscurata da una prospettiva edonistico-materialista-spiritualista .esoterica e non come una certezza antropologica fondata sulla libertà di accoglierne la rivlezione nel “Decalogo” e il sacrificio e la Resurrezione del Figlio per il cambiamento della natura umana: dal cuore di “pietra” all’ amore per Dio, se stessi e il più vicino: Nel mondo invece e nelle relazioni umane si è fermi alla lagge del “taglione” Occhio per occhio, bomba per bomba,sanzione per sanzione”.  Gli aspetti ” morali” dell’esistenza o psico-sociali  oggi devono essere interpretati alla luce di una dimensione antropologico-psicoanalitica e mistica, in quanto l’uomo, ogni uomo è al centro del grande mistero della sua esistenza ed è inconoscible a se stesso nel suo essere . L’unica cosa certa è che ha bisogno della luce per vedere e che non ha creato i fotoni che lo attraversano in ogni istante  con la radiazione cosmica di fondo, originata tre miliardi e ottocento milioni anni or sono. L’uomo non ha creato nè il tempo, né l’energia, né la luce, né pu0′ determinare  la sua nascita né la sua morte, come quella dell’universo. La pandemia del delirio di onnipotenza distruttivo che esiste oggi è catastrofica ed è fondata sull’ignoranza e sull’oblio delle radici culturali dell’Occidente cristiano: ” essere-sapere-amare” (S-Agostino) e sulla negazione dell’esistenza di uno spirito del male. come soggetto, non riducibile “all’ istinto di morte.” espressione di una colpa originaria, nella sua formulazione freudiana.

La posizione della WHO, in mano a una lobby abortista, non è nuova, e ulteriormente conferma la linea di separare la medicina da un valore etico oggettivo, ben presente nel giuramento d’Ippocrate. Il medico o l’infermiere, deve essere solamente un esecutore di volontà arbitrarie soggettive, garantite da leggi dello stato e devono essere indotti a essere “ boia di stato” pronti a uccidere a indurre il suicidio assistito a richiesta o l’eutanasia.
La WHO , con questa pubblicazione vuole distruggere ulteriormente l’essenza della medicina, togliendole il suo significato, infatti, per i veri medici l’embrione, il feto, e la qualità della vita della donna prima del concepimento, sono oggetto degli atti di cura e di prevenzione, contro possibilità patogenetiche, malattie e intenzioni distruttive e auto-distruttive. La vita dell’uomo infatti inizia dal concepimento e finisce con la morte e compito del medico è salvare dalla morte , prevenire ed educare, non uccidere. La gravidanza è un processo fisiologico che va aiutato e non interrotto a danno psico-biologico della donna. L’aborto infatti causa malattie iatrogene e patologie comportamentali, di natura psichiatrica (depressione, sindromi schizofreniformi, suicidi, infanticidi) e con molta probabilità , anche se è discusso, induce tumori, probabilmente attraverso la forte diminuzione delle difese immunitarie indotte dallo stress e dai farmaci, se l’aborto è farmacologico (RU 486.Misoprostolo).


La WHO, dunque , che vuole separare l’etica medica dalla sua essenza e da elementari conoscenze immuno-farmacologiche-psicopatologiche, diretta da analfabeti sul piano epistemologico, che non conoscono il cambiamento di paradigma  indeterminista e teleonomico della medicina, centrato sulla persona, non ha più ragione di esistere.
Come puo’ inoltre un organismo delle Nazioni Unite, agire contro i suoi principi fondamentali scritti nella Carta dei Diritti fondamentali dell’uomo e ripresi poi dalla Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea ?
E necessario ed urgente dunque che gli stati tolgano ogni finanziamento a questi satanici apostoli del male e della distruzione della medicina e del suo significato, e che il suo direttore Tedros Gebrejesus dia le dimissioni , perché incapace di adeguarsi alla carta dei diritti fondamentali dell’uomo, e anche alla luce della mancata prevenzione della pandemia, espressione di analfabetismo epistemologico e scientifico.
La WHO, deve essere al più presto rinnovata o se questo non avviene, sostituita con un organismo capace di tutelare la salute della popolazione mondiale, coerentemente con la carta dei diritti fondamentali delle Nazioni Unite, basata sulla Medicina Centrata sulla persona, per  cui la vita e a salute del bambino nelle prime fasi della sua esistenza , sia sano che malato e l’uomo nella sua sofferenza anche terminale, rappresentano il valore più alto della dignità di una scienza div
ina.

  Bibliografia

1.    Brera G.R The manifesto of Person Centered Medicine. Medicine, Mind    Adolescence .1999;  XIV,  (1-2) : 3-7

       Internet: http://www.unambro.it/html/manifesto.htm

2.    Brera G.R. Medical Education Change toward the Person-Centered Medicine paradigm : the  Ambrosiana University experience in Italy. Paper presented at the WHO Symposium on Education and Person-centered Medicine in the 4th  Geneva Conference on Person Centered Medicine; May 4th  2011; Genev

3. Brera G.R.  . Person Centered Medicine and Medical Education in third Millennium (with the introduction of Iosef   Seifert  The  seven aims of Medicine it.) Roma- Pisa: IEPI ;2001 (Italian)

4.  Brera G.R. Person Centered Medicine: Theory,Teaching,Research. Int.J.Pers. Cent.Med 2011; 1 (1):69-79

5. Brera G.R Person-Centered Medicine and Person-Centered Clinical Method. Milan; Università Ambrosiana, 2021 ISBN 9798726465432

6.   Brera G.R. SARS-COV 2 allostasis and the people and person-    centered prevention. A new prevention strategy   based on a people metabolic and immune shield for the pandemic shutdown.  Part 1 The Sars-Cov 2 entry and COVID-19. Milan. Università Ambrosiana , 2021.   ISBN: 9798530093906

7.    Brera G.R . SARS-COV 2- allostasis and the people   and person-centered prevention. Part 2 The Sars-Cov 2- induced    immunosuppression and Covid-19 anergy . Part 3 The antiviral metabolic allostasis and preventive immunostimulation  -How to induce zero risk for Covid-19. Milan:  Ambrosiana University: 2021 ISBN: 9798547583520

8.   Brera G,R Rischio zero da COVID-19 con l’allostasi antivirale e l’immunostimolazione preventiva. Manuale di dieta      antivirale e integrazione nutraceutica .Milano. Università Ambrosiana ed. 2022  ISBN 9798756383423

9.     FRANCE SOIR  Essais Pfizer sur le vaccin Anti-Covid : le rapport explosif de Christine Cotton Intrnet    

https://www.francesoir.fr/videos-les-debriefings/christine-cotton-essais-pfizer

10. Cotton C. Lecture méthodologique desrésultats des essais cliniques des vaccins COVID-19. Internet      https://www.francesoir.fr/sites/francesoir/files/media-icons/Revue-des-Essais-Cliniques-COVID-Christine-Cotton.pdf

11. Fornari F. Psicoanalisi della guerra. Milano; Feltrinelli, 1973

12. Brera G.R  La scelta di abortire, motivazioni e sequele psichiche. Milano Coop. Am. Vita, 1982

13 Brera GR, Scudeller A. Sequele psicologiche negative e sequele psichiatriche all’aborto procurato in ospedale: possibilità di applicazione di una scala di valutazione [Negative psychological sequelae and psychiatric sequelae of abortion obtained in a hospital: possible application of an evaluation scale]. Minerva Psichiatr. 1983 Jan-Mar;24(1):19-24. Italian. PMID: 6621300.

  • President of the World Health Committee, Rettore dell’Universita’ Ambrosiana, Direttore della Scuola Medica di Milano

Copyright Giuseppe R.Brera 2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.